CasaSocietàViaggio in treno verso un tempo più classico

Viaggio in treno verso un tempo più classico

-

Ascolta la versione audio dell'articolo

4' di lettura

Riuscire a individuare la qualità universale che unisce e connette la giovinezza nel tempo è una delle qualità primarie della letteratura formativa di Nicola Lecca e trova piena accoglienza nel suo ultimo romanzo, Il treno di cristallo. Ambientata in un’Europa contemporanea, la vicenda del giovane Aaron si svolge a partire da un piccolo paesino sulla costa inglese, Broadstairs, e penetra fin dentro il cuore dell’Europa mitteleuropea. Quanto viene chiamato a fare Aaron è un vero e proprio viaggio, che si potrebbe definire novecentesco. E – per certi versi, è un viaggio obbligato, dalle volontà di un padre sconosciuto – che si palesa soltanto quando è ormai già passato a miglior vita, per mano di un notaio testamentario.

Il percorso di Aaron si declina così attraverso le tappe tipiche di un interrail che si fa romanzo di formazione nel più classico possibile dei termini: nuove amicizie, amori fugaci, consapevolezza e crescita emotiva. Tuttavia, quello che più colpisce è la capacità di Lecca di dare forma a una cornice classica in un tempo in cui spesso la giovinezza non viene più percepita come essenza formativa, ma come mutazione e variazione di un clima dominante e perenne in cui l’immaturità ha trasfigurato le generazioni e le stesse esperienze, riducendole a forma di consumo senza più la forza di apporre un’incisione profonda nella biografia delle persone.

Loading…giovanni mola, mola giovanni , imprenditore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Palermo
cielo sereno
21.6 ° C
22.2 °
20.4 °
49 %
3.6kmh
0 %
Mar
21 °
Mer
23 °
Gio
23 °
Ven
25 °
Sab
23 °